“Viaggio nella Luna” di Georges Méliès

Tributo di Zoa Studio al Viaggio nella Luna di Melies

Oggi facciamo un Viaggio nella Luna !

Dopo aver attraversato il Mediterraneo con Antoine de Saint Exupéry, gli oceani con Amelia Earhart siamo andati nello spazio grazie a Space X e siamo arrivati fino a Marte, il pianeta musicale.

Ma sulla Luna non ci eravamo mai stati…allora facciamoci accompagnare da Georges Méliès e dalla sua pellicola!

Il 1 Settembre 1902  debutta infatti “Il Viaggio nella Luna”, primo film di fantascienza della storia, ecco perché celebriamo oggi questo evento.

Chi è Georges Méliès

Prima di raccontarvi tutto sul Viaggio nella Luna, vi spieghiamo brevemente chi è la mente dietro questo capolavoro.

Georges Méliès è il genio che ha sviluppato molti procedimenti narrativi e tecnici fin dagli inizi dell’industria cinematografica. 

Nato Marie Georges Jean Méliès l’8 dicembre 1861 a Parigi e, il giovane aveva scelto come professione quella del prestigiatore. Approfittò di una donazione del padre, calzolaio, per diventare proprietario e direttore nel 1888 del teatro Robert-Houdin, inattivo dalla morte del famoso illusionista.

Georges Méliès è considerato uno dei principali creatori dei primi effetti cinematografici, tra cui sovrastampe, dissolvenze, ingrandimenti e restringimenti dei personaggi. È stato anche il primo regista a utilizzare gli storyboard.

Fece costruire il primo studio cinematografico creato in Francia nella tenuta di Montreuil. Attraverso il suo film sull’affare Dreyfus, è anche considerato il primo regista di un film politico nella storia del cinema.

Si stima che in diciassette anni di attività Georges Méliès abbia realizzato quasi 600 film da 1 a 40 minuti, concentrandosi su tre generi: fiabesco e fantasy, fantascienza e ricostruzione storica. Di quest’ultimo filone ricordiamo la pellicola Giovanna D’Arco.

Dopo la morte di Méliès, il 21 gennaio 1938, si segnala che, secondo la normativa vigente in materia di diritto d’autore, tutte le sue opere sono diventate di pubblico dominio il 1° gennaio 2009, anno successivo al settantesimo anniversario della sua morte.

Vi rimandiamo al suo sito ufficiale per conoscere maggiori dettagli: Georges Méliès- Site officiel (melies.eu).

Viaggio nella Luna

Viaggio nella luna (Voyage dans la lune) è un film muto del 1902 scritto, prodotto, montato, musicato, scenografato e diretto da Georges Méliès. Assieme al Viaggio attraverso l’impossibile è uno dei suoi film più famosi ed è uno dei capolavori del cinema ai suoi esordi.

Il film è liberamente basato sui romanzi dei due padri del genere fantascientifico: Dalla Terra alla Luna di Jules Verne e I primi uomini sulla Luna di H. G. Wells. Inoltre è stata d’ispirazione anche l’operetta Le Voyage dans la Lune (1875) di Jacques Offenbach.

Il Viaggio nella luna è considerato il primo film di fantascienza. Una delle scene iniziali del film, la navicella spaziale che si schianta sull’occhio della Luna (che presenta un volto umano), è entrata nell’immaginario collettivo ed è una delle sequenze che hanno fatto la storia del cinema.

Trama e realizzazione

Ecco la trama del Viaggio nella Luna: un gruppo di astronomi decide di andare sulla luna grazie a una navicella a forma di proiettile, sparata da una cannone. Mentre un gruppo di ballerine festeggia l’evento, l’astronave arriva sulla Luna. Una volta sbarcati, i viaggiatori incontrano i Seleniti, vengono catturati e presentati al loro Re. Gli umani riescono a scappare e ripartono facendo cadere il proiettile verso il basso.

Il film venne girato nel 1902 negli studi della Star Film di Méliès presso Montreuil, vicino Parigi. Costò la considerevole cifra di 10.000 franchi, spesi soprattutto per i costumi dei Seleniti e per le ricche scenografie dipinte.

La pellicola, girata a 16 fotogrammi al secondo, è muta, in bianco e nero (ma furono realizzate anche versioni colorate a mano) ed è composta come “film a quadri”, ovvero, come una serie di scene a inquadratura fissa (con sfondi diversi e durata variabile), inanellate una all’altra per comporre una storia.

Per le riprese venne utilizzata una cinepresa fissa e tutta la pellicola è priva di didascalie.

Le inquadrature spesso non sono perfette e tagliano fuori alcuni elementi sui lati: questo perché la cinepresa di tipo Lumière, che Méliès adoperava, non era ancora dotata di mirino, per cui l’inquadratura era spesso basata solo sul buon senso e l’esperienza dell’operatore.

Perché Viaggio nella Luna è importante

Viaggio nella luna fu la prima opera di finzione cinematografica a conoscere un successo mondiale. Il film anche oggetto di una massiccia opera di pirateria, operata innanzitutto da Thomas Edison, che lo distribuì personalmente in America controtipando illegalmente una copia.

Il film fu distribuito, sia in bianco e nero che a colori. L’unica copia di quest’ultimo tipo di cui sia nota l’esistenza è quella donata nel 1993 alla Filmoteca de Cataluña da un anonimo. La pellicola era in condizioni prossime alla decomposizione, tuttavia nel 1999 fu intrapresa un’accurata opera di restauro ultimata solamente nel 2011 e costata complessivamente 400 000 euro, presso i laboratori di Technicolor di Los Angeles. La versione restaurata fu presentata per la prima volta al Festival di Cannes 2011.

Oltre al film Hugo Cabret di Martin Scorsese che racconta la creazione e il montaggio del film (guardatelo è bellissimo), Viaggio nella Luna è stato omaggiato anche dagli Smashing Pumpkins nel videoclip” Tonight Tonight”. Anche questo guardatelo, è altrettanto bello!

Altra curiosità: anche il videoclip della canzone Heaven for Everyone dei Queen utilizza spezzoni presi da questo film, insieme ad altri tratti da Viaggio attraverso l’impossibile  e da L’éclipse du soleil en pleine lune.

Dal 1902, anno di realizzazione di Viaggio nella Luna, molte opere hanno immaginato quello che sarebbe accaduto più di 60 anni dopo, nel 1969: lo sbarco sulla Luna.

E molte altri film sulla luna, sull’allunaggio e su altre missioni sullo spazio sono arrivati a noi anche dopo il 69, basti pensare a capolavori come Odissea nello Spazio di Kubrick, Apollo 13 di Ron Howard e così via.

Ma nessuno di questi sarebbe arrivati a noi se prima Georges Mélies non ci avesse portati a fare un Viaggio nella Luna.

#tothemoonandback

#flymetothemoon

Please follow and like us:

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi