Amelia Earhart, la donna che sapeva volare

Amelia Earhart tributo

Oggi vi raccontiamo la storia di Amelia Earhart (1897 – 1937), una pioniera dell’aviazione americana. È stata la prima donna ad attraversare l’Oceano Atlantico in aereo. La ricordiamo oggi, 24 luglio, nel giorno del suo compleanno, perché la sua scomparsa in mare (e relativa data) rimane ancora oggi un mistero irrisolto.

Infanzia e gioventù di Amelia Earhart

Figlia di Amelia “Amy” Otis Earhart e Samuel “Edwin” Stanton Earhart, Amelia Mary Earhart nacque il 24 luglio 1897 in Kansas. Un po’ come Dorothy, del Mago di Oz! Soprannominata Millie, Amelia è stata una leader fin dalla giovane età, specialmente con sua sorella minore Grace Muriel, soprannominata Pidge. Entrambe ricevono un’educazione non convenzionale e molto libera per essere delle bambine, compreso il passare molto tempo a giocare all’aperto.

Nel 1916, Amelia si diplomò alla Hyde Park High School. Segue da vicino le storie di donne di successo in campi maschili, come cinema, ingegneria, diritto e pubblicità. Che sono anche le storie che piacciono a noi di Zoa Studio. Come dimenticare ad esempio donne come Ayn Rand, Jane Austen, Patti Smith, Artemisia Gentileschi, per citarne alcune?

Ad ogni modo, nel 1917, durante la prima guerra mondiale, Amelia raggiunse sua sorella a Toronto. Lì si è formata come infermiera e ha lavorato come volontaria curando i soldati feriti tornati dall’Europa. Nel 1918, un’epidemia di influenza spagnola (cosa di cui si discute ancora oggi ai tempi del Covid-19) raggiunse Toronto e Amelia continuò le sue attività di infermiera. Ammalatasi lei stessa, la sua convalescenza durò un anno durante il quale lesse molto e studiò meccanica.

Lezioni di volo da Neta Snook

A Long Beach nel 1920, Amelia Earhart e suo padre visitarono un aeroporto. Il pilota Frank Hawk le offrì un primo volo che le cambiò la vita. In seguito, Amelia avrebbe raccontato che, mentre era in aria, all’improvviso seppe che doveva volare.

Lavorando in vari mestieri per risparmiare denaro, riuscì a permettersi lezioni di volo da un’altra pioniera dell’aviazione, Anita “Neta” Snook, che iniziò nel gennaio 1921. Consapevole del rischio di essere giudicata da altri piloti e desiderosa di realizzare il suo sogno, Amelia lavora duro. Ma si sa, è così se sei una donna in un mondo dominato dagli uomini. Devi lavorare il doppio per ottenere lo stesso risultato.

Sei mesi dopo, si comprò un biplano giallo che chiamò The Canary. Il 22 ottobre 1922, Earhart raggiunse un’altitudine di 4.300 m, il record per un aviatore in quel momento. Il 15 maggio 1923 divenne la sedicesima donna ad ottenere il brevetto di pilota.

Amelia Earhart: la prima donna ad attraversare l’Atlantico da sola in aereo

Nel 1927, mentre Charles Lindbergh sorvolava l’Atlantico, tale Amy Phipps Guest espresse il desiderio di sponsorizzare un volo simile con una donna. La scelta ricade Amelia Earhart. L’anno successivo parte per un volo transatlantico con due compagni. È un volo per cui Amelia non è addestrata e non pilota, ma questo volo le ha dato un’enorme notorietà.

Al suo ritorno, accetta una posizione con Cosmopolitan, che usa per promuovere l’aviazione e il ruolo delle donne nel campo. Con Charles Lindbergh, rappresenta Transcontinental Air Transport ed è coinvolta nella creazione di una linea New York – Washington.

Ha continuato i suoi voli ed è diventata la prima donna a fare un viaggio di andata e ritorno in Nord America.

Nel 1931 Amelia si sposa, ma il suo matrimonio è di quelli molto emancipati, in cui lei gode della sua libertà e della sua carriera. La Earhart non avrà mai figli. Il 20 maggio1932 la sua carriera continua: parte da Terranova e Labrador, per un volo in solitaria di 14 ore e 56 minuti fino in Irlanda del Nord: diventa così la prima donna ad aver attraversato da sola l’Oceano Atlantico in aereo.

I record

Nel gennaio 1935, Amelia Earhart divenne la prima persona a volare con successo da Honolulu a Oakland in solitaria, un volo precedentemente tentato da una squadra. Poi ancora vola da sola da Los Angeles a Città del Messico e poi da Città del Messico a New York. Gareggia in gare di lunga distanza e batte diversi record di velocità e distanza femminili.

Nel 1937, Amelia Earhart e il suo collega Fred Noonan tentarono di fare il giro del mondo da est su un Lockheed Electra bimotore. Scomparvero in mare il 2 luglio 1937, dopo essere stati visti l’ultima volta a Lae, in Nuova Guinea.

Earhart e Noonan furono ufficialmente dichiarati dispersi in mare il 19 luglio 1937, a seguito di un’ampia ricerca marittima e aerea che coinvolse 4.000 membri dell’equipaggio, nove navi e 66 aerei. Negli ultimi anni, Nauticos, una società di ricerca in acque profonde di Hannover, Maryland, ha cercato l’aereo Earhart, ma i loro sforzi non hanno avuto successo.

Teorie sulla sparizione di Amelia Earhart

A partire dalla scomparsa dell’aereo di Earhart e Noonan, le teorie (anche complottiste) su tale argomento, si sono moltiplicate. Vediamo insieme quelle più famose.

Schianto e affondamento nell’Oceano Pacifico

Molti esperti ritengono che il Lockheed Model 10 Electra di Earhart non sia mai arrivato all’isola di Howland perché ha esaurito il gas, si è schiantato ed è affondato nell’Oceano Pacifico.

Il volo mondiale iniziò a Oakland, in California il 21 maggio 1937. Il 29 giugno, lei e Noonan raggiunsero Lae, in Nuova Guinea. Giorni dopo, il duo ha intrapreso la terza tappa finale del viaggio: un volo non-stop di 2.556 miglia per Howland Island, un piccolo atollo corallino nel Pacifico meridionale. Lì avevano programmato di fare rifornimento prima di dirigersi alle Hawaii e poi in California.

Alle 6:14 del 2 luglio, l’aereo di Earhart e Noonan ha stabilito un contatto radio con la Guardia Costiera degli Stati Uniti (Itasca). Earhart ha riferito che erano solo a 200 miglia di distanza, ma intorno alle 7:42 ha contattato di nuovo Itasca per dire che stavano finendo il carburante e non riuscivano a individuare la terra.

La comunicazione era discontinua e Earhart non riusciva a sentire la maggior parte delle risposte di Itasca. L’aereo ha trasmesso più volte prima di perdere ogni contatto. Secondo quanto riferito, l’ultimo post deformato di Earhart recitava: “Siamo sulla linea 157-337 … stiamo correndo sulla linea nord e sud“.

Oggi, molte parti – incluso il governo degli Stati Uniti e gli esperti del Museo dell’aria e dello spazio della Smithsonian Institution – affermano che l’aereo probabilmente ha esaurito il gas ed è precipitato nell’oceano, uccidendo Earhart e Noonan.

Earhart era una spia segreta

Nel suo libro del 2016 Amelia Earhart: Beyond the Grave, l’autrice WC Jameson si basa su una teoria secondo cui Earhart non era solo un pilota: era anche una spia, assunta dal presidente Franklin D. Roosevelt per monitorare le installazioni militari giapponesi nelle Isole Marshall. Una sorta di Mata Hari dell’aviazione.

Secondo Jameson, l’aereo di Earhart era dotato di telecamere. Tuttavia, la missione di sorveglianza dell’aviatrice non va come previsto: viene abbattuta dai giapponesi o catturata nelle Isole Marshall dopo un incidente o un atterraggio forzato.

Secondo la storia, Earhart sarebbe stata tenuta prigioniera per anni, ma Roosevelt è rimasto in silenzio su dove si trovasse, non volendo che il pubblico sapesse che aveva ingaggiato l’aviatore più famoso del mondo per sorvegliare il nemico. Nel frattempo, i funzionari hanno alterato i registri della Guardia Costiera per dire che il suo aereo era scomparso. (Jameson dice di aver intervistato il nipote di un ex ufficiale dell’esercito degli Stati Uniti, che ha detto che alcuni partiti di alto rango sapevano che Earhart era in missione di spionaggio.)

Secondo la teoria, Earhart fu liberata nel 1945 e tornò negli Stati Uniti, cambiò il suo nome in Irene Craigmile Bolam e visse sotto copertura come banchiere nel New Jersey. Nel 1982, Bolam-a.k.a. Earhart è morta.

Questa teoria è stata ampiamente smentita e la stessa Bolam l’ha definita una “bufala scarsamente documentata”. Ha intentato una causa da $ 1,5 milioni e l’editore del libro, McGraw-Hill, lo ha ritirato il libro dal mercato. Sembra che il caso sia stato risolto in via extragiudiziale. Per quanto riguarda la cosiddetta “somiglianza” tra Bolam ed Earhart, le persone che hanno confrontato le foto dei due (incluso uno scienziato forense assunto dal National Geographic) affermano che non sono la stessa persona.

Amelia Earhart catturata dai giapponesi

Alcuni dicono che le forze giapponesi hanno arrestato Earhart e Noonan – forse come spie, o semplicemente come membri dell’equipaggio bloccati – sull’isola di Saipan nelle Isole Marianne Settentrionali o nelle Isole Marshall. Alla fine morirono in cattività.

Diversi lavori propongono variazioni di questa teoria, in particolare quella di Fred Goerner in The research of Amelia Earhart (1966). Goerner postula che Earhart e Noonan si siano schiantati sull’atollo di Mili nelle Isole Marshall. Secondo quanto riferito, la gente del posto ha visto atterrare l’aereo di Earhart e ha aiutato i giapponesi a ritirarlo e spedirlo a Saipan, a quasi 2.000 miglia di distanza. Per quanto riguarda Earhart e Noonan, furono catturati vivi e mandati a Saipan, dove morirono prigionieri.

Nel 2009, Wally Earhart, quarto cugino di Amelia Earhart, ha confermato queste affermazioni. Secondo lui, la parente morì di dissenteria e Noonan morì per decapitazione dai giapponesi. (Wally Earhart ha rifiutato di nominare le sue fonti, quindi questa premessa è per sentito dire fino a prova contraria.)

Recentemente, la Parker Hannafin Corporation, una società di tecnologia per il controllo del movimento, ha finanziato gli sforzi di ricerca nelle Isole Marshall, dove l’organizzazione no profit di ricerca e salvataggio Amelia Research, Inc. ha trovato pezzi di metallo presumibilmente dall’aereo di Earhart dopo che si è schiantato. I risultati della spedizione non sono stati resi noti.

Earhart è morta in un naufragio – la teoria di TIGHAR

Alcune persone credono che Earhart e Noonan, incapaci di localizzare l’isola di Howland, abbiano cercato un’altra isola su cui atterrare. Il duo ha finito per recarsi a Nikumaroro, nella pacifica repubblica di Kiribati, situata a circa 350 miglia a sud-est di Howland. Lì hanno fatto chiamate radio di soccorso per giorni fino a quando il loro aereo è stato spazzato via dalla marea. Earhart (e presumibilmente Noonan) morirono entrambi come naufraghi.

I principali sostenitori di questa teoria sono membri di un gruppo senza scopo di lucro chiamato TIGHAR. Guidati da Richard Gillespie, hanno trascorso decenni a indagare sull’ultimo volo di Earhart e hanno visitato l’isola di Nikumaroro diverse volte dal 1989. Le loro spedizioni hanno scoperto manufatti, inclusi pezzi di scarpe di cuoio, pelle, frammenti di un vaso che avrebbe potuto essere crema per le lentiggini (Earhart le aveva) e frammenti di plexiglass e alluminio.

Le scoperte recenti di TIGHAR

Recentemente, TIGHAR ha fatto notizia annunciando che una nuova analisi delle ossa trovate su Nikumaroro nel 1939 o nel 1940 potrebbe supportare la loro spiegazione del naufragio. Le 13 ossa – tra cui un cranio, un omero e un radio – si trovavano insieme ad una suola di una scarpa da donna, una scatola vuota che potrebbe aver contenuto un sestante e altri detriti. Molto tempo fa, un medico di nome D.W. Hoodless ha stabilito che appartenevano a un uomo anziano. Ma nel 1998, TIGHAR ha riesaminato le misurazioni registrate delle ossa e ha affermato che Hoodless si sbagliava: provenivano, infatti, da una donna della stessa altezza ed etnia di Earhart.

Nell’ultimo giro di speculazioni, uno specialista di imaging forense di nome Jeff Glickman ha analizzato le foto e le misurazioni originali dello scheletro e ha notato che gli avambracci scheletrici erano particolarmente lunghi, così come quelli del pilota scomparso. Tuttavia, molti esperti hanno respinto le nuove scoperte, affermando che – insieme alle altre teorie di TIGHAR – non sono abbastanza forti per confermare il destino di Earhart.

Dorothy Cochrane, curatrice del National Air and Space Museum dello Smithsonian, ha persino dichiarato che “la teoria di Gillespie si basa su congetture e circostanze. Ignora ripetutamente fatti come la suola trovata di una scarpa da donna che è della misura sbagliata per Earhart – un fatto segnalato dalla sorella». Anche l’identificazione dello scheletro come femmina è in dubbio. Nel 2015, un diverso gruppo di ricercatori ha notato difetti nell’articolo del 1998 ed è giunto alla conclusione che la classificazione di origine maschile era più probabile.

L’aereo di Earhart si è schiantato in Papua Nuova Guinea

Nel 1945, un gruppo di soldati australiani della seconda guerra mondiale sull’isola della Nuova Britannia, Papua Nuova Guinea, avrebbe scoperto il relitto di un aereo civile nella giungla. Una carta di pattuglia di ricognizione di questa missione mostra il numero di build dell’aereo, C/N 1055, che corrisponde a quello dell’aereo di Earhart. I suoi motori assomigliavano anche a quelli della Lockheed Electra di Earhart.

Si racconta che David Billings, un ingegnere aeronautico australiano che vive in Papua Nuova Guinea, possieda le prove video degli scopritori e, fino ad oggi, la vedova di un membro della pattuglia protegga la mappa.

Detto questo, Earhart avrebbe dovuto atterrare a Howland, non nella Nuova Britannia, quindi Billings teorizza che potrebbe essersi voltata verso Howland e aver viaggiato per centinaia di miglia per trovare un’altra isola. Tuttavia, molte persone dicono che è improbabile, poiché questa teoria contraddice gli ultimi messaggi radio di Earhart. Inoltre, affermano, il suo aereo stava finendo il carburante per il viaggio.

Questi argomenti non hanno impedito a Billings e ad altri di provare a dimostrare la loro teoria: nel 2012 hanno lanciato una campagna di crowdfunding per finanziare una spedizione alla ricerca dell’aereo abbattuto nelle giungle della Nuova Bretagna, ma non ha raggiunto il suo obiettivo.

“Never interrupt someone doing something you said couldn’t be done.” – A.Earhart

Conclusioni

Non importa quale sia la teoria più accreditata e se non c’è una soluzione a questo mistero, dobbiamo ringraziare Amelia Earhart per tutto quello che ha fatto per le donne, in tempi in cui era ancora più difficile far sentire la propria voce.

E la voce di Amelia non è mai stata dimenticata, tanto da essere entrata nella cultura di massa.

Ad esempio, nel 2009, vienerealizzato un film biografico sulla sua vita intitolato Amelia. E non dimentichiamo il film Il Corvo. Nella versione originale viene citata nella battuta: «”This the victim?” “No, it’s Amelia Earhart. We found her, detective, and you missed it.”», tradotta in italiano con «”È la vittima?” “No ispettore. È Amelia Earhart. Noi l’abbiamo trovata, detective, e voi ve lo siete perso.”»

Amelia Earhart compare anche in varie serie tv, tra cui Star Trek. La sua storia viene addirittura nominata in Friends, cosa che fa intendere quanto l’aviatrice sia iconica e popolare.

E compare anche nella letteratura e nei fumetti, ad esempio nella storia di Corto Maltese Mu – la città perduta pubblicata da Hugo Pratt nel 1990 troviamo il personaggio di Tracy Eberhard, una giovane aviatrice americana che atterra in un’isola del Pacifico col suo biplano: il personaggio è ovviamente un omaggio ad Amelia Earhart, di cui riprende anche la fisionomia.

Amelia diventa una citazione anche in numerose canzoni, tra cui ricordiamo quella di Joni Mitchell, altra donna iconica.

E con questo vi salutiamo, ricordandoci sempre che, in maniera reale o virtuale, nella vita bisogna sempre “volare”.

#acrosstheocean

#somedaywellknow

Please follow and like us:

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi