Eddie Van Halen, un anno senza una leggenda

Stampa Zoa Studio con album dei Van Halen - tributo ad Eddie Van Halen
Stampa Zoa Studio con album dei Van Halen – tributo ad Eddie Van Halen

Eddie Van Halen, chitarrista e fondatore della leggendaria band hard rock degli anni ’80 Van Halen, è morto martedì 6 ottobre 2020. Lo ricordiamo oggi nel primo anniversario dalla sua scomparsa.

Il gruppo, reso popolare dal loro successo Jump che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo, é stato fondato da Eddie e da suo fratello maggiore e batterista Alex, con il cantante David Lee Roth.

Ma le leggende si raccontano dall’inizio, quindi cominciamo.

La storia di Eddie Van Halen

Una vita nella musica

Eddie Van Halen,  nome completo Edward Lodewijk Van Halen, nasce il 26 gennaio 1955 a Nijmegen, nei Paesi Bassi.

La famiglia Van Halen emigrò nel 1962 a Pasadena, in California, negli Stati Uniti. Il padre di Eddie e Alex, Jan Van Halen, era un affermato sassofonista e clarinettista. Jan ha incoraggiato molto presto la passione per la musica dei suoi figli, così Alex (il più anziano dei fratelli Van Halen) ed Eddie hanno entrambi ricevuto un’educazione al pianoforte classico da bambini.

Quando sono diventati più grandi, Alex ha iniziato a prendere lezioni di chitarra flamenca e Eddie si è interessato alla batteria. Secondo la leggenda, Eddie ha lavorato come fattorino di giornali per comprare una sua batteria. Mentre Eddie lavorava, Alex si esercitava con la batteria del fratello.

Quando Eddie ha sentito suo fratello suonare l’assolo di batteria per la canzone “Wipe Out”, ha deciso di rinunciare alla batteria per la chitarra. Il musicista che più ha influenzato Eddie è Eric Clapton (del gruppo Cream) mentre Alex è stato più influenzato da Ginger Baker (anch’esso del gruppo Cream) e John Bonham (batterista del gruppo Led Zeppelin a cui abbiamo dedicato un articolo).

La nascita dei Van Halen

Durante le elementari e le medie, Eddie e Alex in tempi diversi hanno formato diversi gruppi con nomi come “The Trojan Rubber Company”, “The Broken Combs” e “The Space Brothers”.

Il gruppo che in seguito si è evoluto in Van Halen era invece originariamente un trio noto come “Mammoth” in tournée in molte località intorno a Los Angeles. Il gruppo includeva Eddie alla chitarra e alla voce, Alex alla batteria e Mark Stone al basso.

Nel 1974, Michael Anthony sostituì Mark Stone al basso dopo un provino per la band. Successivamente, Eddie Van Halen e Anthony si sono alternati nel canto.

L’anno prima David Lee Roth, un imprenditore locale e cantante di una band rivale di Los Angeles, prese in affitto della attrezzatura audio dai Mammoth. Ma Eddie e Alex si erano stancati di pagare la “tassa del suono” ai Diamond Dave (David Lee Roth), così lo portarono nella band nel 1974 come cantante.

Poco dopo scoprirono che anche un altro gruppo di Los Angeles si chiamava “Mammoth”. Su suggerimento di Roth, cambiarono il loro nome in “Van Halen” (passando sopra il nome “Rat Salad”). Roth spiega nella sua autobiografia che ha trovato il nome “Van Halen” simile al nome Santana e che dava l’impressione di potere.

La band diventa popolare sulla Sunset Strip a metà degli anni ’70, suonando in club come il Whiskey a Go Go.

Il contributo di Gene Simmons

Nel 1976, Gene Simmons della band hard rock Kiss notò un concerto dei Van Halen e decise di finanziare il loro concerto e il primo demo tape. Questa cassetta, nota come “Gene Simmons Demo“, contiene testi incompiuti o diversi dalle prime canzoni dei Van Halen; tuttavia, il management dei Kiss non firmò con il gruppo.

È stato con Mo Ostin, un dirigente della Warner Bros, che il gruppo firmò. Ostin infatti scoprì (o riscoprì) il gruppo e offrì loro di registrare un demo di 25 canzoni di cui 9 sarebbero apparse sul loro primo album. La registrazione dura appena tre settimane, ma è un perfetto riassunto di ciò che i Van Halen sono musicalmente. 

Il successo e i primi problemi di Van Halen

I Van Halen ottennero il disco di platino nel 1978 con il primo album mentre il secondo, Van Halen II,  impiegò solo due mesi per essere certificato disco di platino. Per i successivi quattro anni, i Van Halen realizzarono una serie di album e tournée in Europa e Giappone.

Il loro terzo album, “Women and Children First” uscì  nel 1980 e fu certificato disco di platino tre mesi dopo. Fu durante questo tour che il gruppo sviluppò un atteggiamento barbaro, saccheggiando la maggior parte degli hotel in cui alloggiavano.

In mezzo a tutto questo, Eddie nota Valerie Bertinelli, attrice di serie televisive, passata a congratularsi con il gruppo dopo uno dei loro concerti. Si sposarono pochi mesi dopo, nel 1981 ed ebbero un figlio, Wolfgang van Halen.

E nello stesso anno i Van Halen iniziarono a scrivere il loro prossimo album, “Fair Warning”. Ma sorsero tensioni tra Eddie e David.

Eddie, che beve molto e fa uso di cocaina, ha voglia di sperimentare, di orientarsi verso canzoni più serie e strutture più complesse, ben lontane dalle scappatelle pop di David. Frustrato per non essere in grado di esprimersi come avrebbe voluto, Eddie pensò di lasciare il gruppo e quasi si unì ai Kiss, i cui membri erano anch’essi in conflitto con il loro chitarrista.

Alla fine, Gene Simmons e Paul Stanley decisero di non assumere Eddie, sostenendo che, nonostante il suo grande talento come chitarrista, non si adattava allo stile della band. Eddie decide quindi di non lasciare i Van Halen e finisce per ri-registrare parti dell’album nelle prime ore del mattino, quando è solo.

Il “tapping” di Eddie Van Halen

A proposito di grande talento, Eddie Van Halen ha il merito di aver reso popolare il tapping, una tecnica chitarristica che consiste nel suonare le note facendo hammer-on e pull-off in successione con la mano sinistra mentre veniva digitata una nota con la mano destra. Ha eseguito questa tecnica nella canzone Eruption.

Si racconta che Eddie Van Halen abbia avuto l’idea di fare tap durante un concerto dei Led Zeppelin su Heartbreaker, altri sostengono che sia mentre cercava di riprodurre una canzone di Allan Holdsworth.

In concerto, per non rivelare la sua tecnica, Eddie Van Halen suonava di spalle al pubblico. Una curiosità singolare! A proposito di curiosità, ne abbiamo un’altra diventata leggenda, di cui in realtà vi avevamo parlato in un precedente articolo e che vi raccontiamo tra poche righe!

Eddie Van Halen ha contribuito inoltre al successo del pedale per chitarra MXR Phase 90, il quale ha molto influenzato il suo stile in alcuni brani. La MXR ha anche creato una versione custom di questo effetto a lui dedicato.

Quella volta che Eddie Van Halen suonò per Michael Jackson

Era il 1983 e la produzione di Michael Jackson cercava di dare un tono rock alla sua ultima produzione: “Beat it”, inserita nell’album Thriller.

L’idea di inserire un brano apertamente rock all’interno dell’album fu di Quincy Jones, che chiese al Re del Pop di comporre una canzone simile a My Sharona dei Knack, ma ancora migliore.

Quando Quincy Jones chiamò Van Halen per chiedergli di dare il suo tocco magico alla canzone, il chitarrista pensava che si trattasse di uno scherzo telefonico, come ha raccontato lui stesso in un’intervista alla CNN del 2012. 

‘Sei Eddie?’, esordì Quincy Jones. ‘Sì, che diavolo vuoi?’ ‘Sono Quincy’. E io pensavo tra me e me, ‘Non conosco nessuno di nome Quincy’. Lui disse ‘Quincy Jones, amico’. Ed io ‘Oh, scusa!’ Gli chiesi, ‘Cosa posso fare per te?’. E lui disse: ‘Ti piacerebbe venire a suonare nel nuovo disco di Michael Jackson?’ Ed io tra me e me pensavo, ‘OK, io e ‘ABC, 1, 2, 3′. Come può funzionare?’ Non ero ancora sicuro al 100% che fosse lui. Dissi: “Ok, ci vediamo domani al vostro studio”. Ecco, quando arrivai lì c’erano Quincy, Michael Jackson e gli ingegneri. Stavano facendo dischi!”.

Alla fine della registrazione, dopo due ore di lavoro e un assolo eccezionale di 20 secondi, Eddie rifiutò di essere pagato in denaro, ma chiese un compenso simbolico: una cassa di birra e delle lezioni di danza proprio da parte di Michael Jackson. Quincy Jones, visti i costi esorbitanti dell’album, fu felice di accontentarlo! I membri dei Van Halen tuttavia la pensavano diversamente!

Jump e altri successi

L’album 1984 divenne cinque volte disco di platino dopo un anno di pubblicazione e il suo più celebre singolo, Jump, è diventato la prima e unica hit pop n. 1 della band e ha regalato loro una nomination ai Grammy.

Una curiosità sul pezzo: Jump, un inno hard rock portato da riff di synth che era stato composto da Eddie Van Halen ma inizialmente rifiutato dagli altri membri del gruppo, era finalmente apparso sul loro album più venduto, 1984, ed era rimasto cinque settimane di fila in capo delle classifiche americane.

La canzone accompagna tradizionalmente l’ingresso dei giocatori della squadra di calcio del Marsiglia sul proprio campo e l’OM ha reso omaggio al compianto chitarrista sul proprio account Twitter.

A partire da marzo 2019 i Van Halen sono saliti al ventesimo posto nella lista RIAA degli artisti più venduti negli Stati Uniti con 56 milioni di album negli States e oltre 80 milioni in tutto il mondo.; il gruppo ha inoltre stabilito il record di tredici n.1 nella speciale classifica Mainstream Rock Songs.

In tutti questi anni la band ha visto David Lee Roth uscirne e rientrarne forse più di qualsiasi altra band.  Dopo la partenza di David Lee Roth, i Van Halen hanno continuato a pubblicare album e ad esibirsi con i cantanti Sammy Hagar e poi Gary Cherone, ma non hanno mai riguadagnato la popolarità del primo periodo.

Nel gennaio 2007, i Van Halen sono stati inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame.

Gli ultimi anni di Eddie Van Halen

Nel 2000, i medici dovettero asportare parte della lingua di Eddie Van Halen a causa di un tumore, che attribuiva – senza prove – all’uso di plettri di metallo.

“Ho usato plettri in metallo, bronzo e rame, che ho sempre tenuto in bocca, esattamente dove avevo il cancro alla lingua”… “Inoltre, vivo praticamente in uno studio di registrazione pieno di energia elettromagnetica”,

Ha aggiunto, ammettendo che decenni di fumo potrebbero non aver aiutato la sua salute. Ha detto inoltre che aveva bevuto e fumato dall’età di 12 anni, ma non aveva ancora trascorso la sua carriera a festeggiare.

“Non bevo per divertimento”, ha detto. “Alcol e cocaina sono cose che uso in privato, per lavoro” e per creatività. A forza di eccessi, Val Halen era diventato alcolizzato, cosa che ha fatto precipitare il suo divorzio dall’attrice Valerie Bertinelli nel 2007, dopo 16 anni di matrimonio. Ha detto che è diventato sobrio l’anno successivo.

Eddie Van Halen ha detto che non ricordava davvero di aver composto le canzoni più famose della sua band, come Eruption o Panama. “Non ricordo, mi viene semplicemente così”, ha spiegato. E il chitarrista ha detto a Billboard che ascolta a malapena musica. “È una cosa strana, ma sono stato così per tutta la vita. Non potrei fare un disco contemporaneo se volessi, perché non so che aspetto abbia la musica contemporanea “, ha detto.

Nel 2012, la band dovette  cancellare i concerti in Giappone a causa dell’intervento chirurgico d’urgenza di Eddie Van Halen. Tre anni dopo, i musicisti si misero di nuovo in viaggio per un lungo tour negli Stati Uniti e in Canada. Fumatore accanito, tossicodipendente, Eddie Van Halen lottò con tutte le forze contro il cancro dell’apparato digerente.

Morte e lascito

Il 6 ottobre 2020 Wolfgang Van Halen annuncia su Twitter “Mio padre, Edward Lodewijk Van Halen, questa mattina ha perso la sua lunga e difficile battaglia contro il cancro”.

Eddie Van Halen si consacra 70esimo miglior chitarrista di tutti i tempi dalla rivista americana Rolling Stone nella classifica dei 100 migliori chitarristi di tutti i tempi del 2003 e ottavo nella lista del 2011.

Non dimentichiamo il genio dietro l’uomo, che si è costruito da solo una chitarra comprando un corpo e un manico della Boogie Bodies per circa 80 dollari e che, una volta assemblati i pezzi, diede vita a quella che sarebbe poi diventata la sua leggendaria Frankenstrat.  Ho avuto il piacere di vederla al MET a New York, come testimonia la foto qui sotto.

Vi lasciamo con le parole del figlio, che raccontano chi Eddie Van Halen fosse davvero:

“Era il miglior padre che si potesse sognare. Ogni momento che ho condiviso con lui dentro e fuori dal palco è stato un regalo “, ha detto suo figlio Wolfgang Van Halen, che ha sostituito il bassista principale della band (Michael Anthony) nel 2007 quando David Lee Roth si è riunito con i Van Halen per un tour, dopo una separazione di più di vent’anni.

A proposito di David Lee Roth, è notizia fresca fresca che il musicista è andato in pensione. Eccola qui: Musica: David Lee Roth, ‘vado in pensione’ – Musica – ANSA.

Un’altra prova che i Van Halen non hanno ancora smesso di far parlare di loro.

#adifferentkindoftruth

#theflyingdutch

Please follow and like us:
Pin Share

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi