Frank Zappa, l’eclettismo fatto uomo

Omaggio di Zoa Studio a Frank Zappa
Omaggio di Zoa Studio a Frank Zappa

In molti degli articoli che trovate in questo blog abbiamo brevemente parlato di Frank Zappa. Era tempo di dedicargli una pagina tutta sua, e lo facciamo oggi 4 dicembre, commemorando l’anniversario della sua scomparsa, avvenuta nel 1993.

Chitarrista, cantante e produttore americano, Frank Zappa è prima di tutto un compositore con influenze eclettiche e numerose, che spaziano dal rock al jazz alla musica contemporanea, a volte in un’unica composizione.

Durante i suoi 33 anni di carriera musicale, Zappa si è dimostrato uno dei cantautori più prolifici della sua epoca, pubblicando oltre 60 album, la maggior parte dei quali costituiti da composizioni originali. Era anche un rinomato chitarrista (elettrico) e un talentuoso produttore-ingegnere, che ha realizzato personalmente quasi tutte le sue registrazioni dal suo debutto nel 1966.

Ora vi raccontiamo tutto.

I primi anni di Frank Zappa

Nato a Baltimora il 21 dicembre 1940 da una famiglia di origine greco-italiana e libanese, Frank Vincent Zappa è cresciuto in California, in un mix di influenze che mescolavano compositori d’avanguardia, come Edgar Varèse e Igor Stravinsky, e ritmi locali.

Infatti, all’età di quattordici anni, Frank Zappa scopre Ionisation di Edgard Varèse e Le Sacre du Printemps di Stravinsky, due opere che ebbero per lui un notevole impatto: l’influenza delle percussioni di Varèse portò proprio alla composizione nel 1959 di Mice, lavoro per strumenti a percussione.

Zappa trae ispirazione anche da Webern, Stockhausen, Ives, Copland e Ligeti. Zappa non è interessato solo alla musica contemporanea ma anche alla musica rock, attraverso Johnny “Guitar” Watson, Clarence Gatemouth Brown, Eric Dolphy, Spike Jones, Raymond Scott e Carl Stalling. Grazie alle sue diverse influenze musicali, Frank Zappa crea una sintesi musicale tra rock, jazz e musica classica, utilizzando la poliritmia.

Nel 1956 conobbe Don Van Vliet, meglio conosciuto con il nome d’arte “Captain Beefheart, amico importante di Zappa e con il quale produsse diversi album, tra cui Hot Rats (1969) e Bongo Fury (1975), e fondò il gruppo ” I Blackout”. Zappa registrò il suo primo singolo Break Times and 16 Tons nel 1962 e nel 1966 produsse il primissimo album rock “concettuale”, Freak Out.

I Mothers and Smoke on the Water

Ecco come si arrivò al primissimo album “rock concettuale”. Dopo una breve carriera come cantautore professionista, Zappa è entrato a far parte di un gruppo R&B locale come chitarrista. Poco dopo, ribattezzò il gruppo The Mothers.

I Mothers furono poi accompagnati dal produttore Tom Wilson e pubblicarono il doppio album Freak Out! (1966), un mix di R&B e collage sonori sperimentali. Gli intimi ed eclettici Absolutely Free e Lumpy Gravy furono pubblicati l’anno successivo. Zappa registra anche We’re Only In It For The Money, una satira sul tradizionale stile di vita americano; la copertina fa una parodia di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles, sostituendo i fiori con le verdure.

Nel 1966 Frank incontra la futura signora Zappa: Adelaide Gail Sloatman. Qualche anno più tardi Frank dirà in una intervista che fu amore a prima vista. Si sposano un anno dopo, nel 1967 e divennero la famiglia Zappa: Frank, Gail e i figli Moon, Dweezil, Ahmet e Diva Zappa.

Dopo diversi album con i Mothers, tra cui Cruising With Ruben & The Jets, o il concept album Uncle Meat, Zappa ha pubblicato Hot Rats, un album solista strumentale con una scrittura cesellata in cui appare il suo modo di suonare influenzato dal jazz. Viene anche realizzato un album di live session registrato al Fillmore East con la partecipazione di John Lennon e Yoko Ono (la collaborazione non compare nel disco ma nella parte live del doppio album di John Lennon “Some Time in New York City “). Zappa continuò a produrre in quantità nei primi anni ’70, ma ebbe un terribile mese di dicembre nel 1971.

Il 4 dicembre, mentre si esibiva con il suo gruppo al Casino de Montreux sulle rive del Lago di Ginevra, divampò un incendio in una delle stanze. Il Casinò e l’attrezzatura dei Mothers furono completamente distrutti. Questo evento sarà immortalato nella canzone Smoke on the Water del gruppo Deep Purple, che ha registrato l’album Machine Head a Montreux nello stesso periodo.

 L’incidente e la fine dei Mothers

Il 10 dicembre, Zappa è stato gettato nella fossa dell’orchestra da uno spettatore, Trevor Howell, durante un concerto al Rainbow Theatre di Londra. Quest’ultimo giustificava l’aggressione in due modi: o giudicava troppo scarsa la qualità dell’esecuzione, oppure riteneva che il compositore-chitarrista avesse guardato con troppa insistenza la sua ragazza. Frank Zappa accusa diverse fratture gravi, traumi cranici, lesioni alla schiena e al collo, nonché una laringe schiacciata. Per più di un anno Zappa rimane su una sedia a rotelle, impossibilitato a esibirsi in concerto e subirà le conseguenze dell’evento:

“Alla fine mi sono ripreso, ma la mia gamba era ancora un po’ più corta dell’altra, da qui gli anni di mal di schiena cronico. Durante la mia stagione in carrozzina, ho rifiutato interviste e foto, volevo solo fare musica, e sono riuscito comunque a fare tre album: Waka/Jawaka, Just Another Band From L.A. e The Grand Wazoo”.

Di fronte al loro fallimento commerciale, Zappa decide di diventare più facilmente accessibile senza compromettere i suoi standard di qualità. I risultati sono Over-Nite Sensation, Apostrophe, Roxy & Elsewhere e One Size Fits All, con una nuova versione dei Mothers, una delle sue migliori band con George Duke alle tastiere, Napoleon Murphy Brock al sassofono e voce, Ruth Underwood alle percussioni, Chester Thompson alla batteria. È anche l’ultima variante dei Mothers. Dopo un ultimo disco live registrato nel 1975 con il suo vecchio complice Captain Beefheart, Frank Zappa li sciolse definitivamente, e pubblicò solo a suo nome.

Sono Frank Zappa, registra questo album

Nel 1977 Frank Zappa voleva produrre un cofanetto a otto facce (quattro dischi) che chiamò Läther (solo 300 scatole da 4 Lp sarebbero state distribuiti alle emittenti radiofoniche) e che doveva rappresentare il suo lavoro in studio, sul palco e nell’orchestrazione. Ma la società che doveva distribuirlo, la Warner, si rifiutò di pubblicarlo. I contenuti di questo disco “perduto” (fino al 1996, opera che la sua famiglia metterà sul mercato così come inizialmente concepito sotto forma di cofanetto CD a tre anni dalla sua morte), apparirà sparpagliato su quattro diversi album: Zappa in New York, Studio Tan, Sleep Dirt e Orchestral Favorites. Altri pezzi saranno presenti anche su Shut Up ‘N’ Play Yer Guitar e Zoot Allures.

Nel dicembre 1977, sulla stazione radiofonica KROQ radio di Pasadena, trasmette Läther nella sua interezza dichiarando al microfonoSono Frank Zappa, sono il tuo disc jockey temporaneo, prendi la tua piccola cassetta e registra questo album che potrebbe non essere mai disponibile per il pubblico generale “.

Zappa attacca la Warner che si rifiutò di pagargli tutto questo materiale che pubblicò comunque. Poi creò la sua etichetta “Zappa Records”, distribuita da Mercury/Phonogram, e pubblicò nel 1979 Sheik Yerbouti (album basato su registrazioni dal vivo del suo 1978 tour europeo), che segna l’inizio di un ottimo periodo in termini di successo commerciale e che contiene un brano che si classificherà al primo posto in Norvegia: Bobby Brown. Nel gruppo che lo accompagna poi, il batterista Terry Bozzio, il chitarrista Adrian Belew, e il tastierista Tommy Mars si mettono in luce per aver saputo confluire perfettamente nello spirito e nella tecnicità della musica di Zappa.

La pubblicazione dell’opera rock e gli anni 80

Nel frattempo, il geniale “compositore americano” (come amava definirsi), che ammetterà di non essere mai stato capace sul palco di suonare la chitarra e cantare allo stesso tempo, pubblicò la sua “opera-rock” in tre atti, Joe’s Garage, eseguito da un nuovo gruppo composto dal cantante Ike Willis, dal batterista Vinnie Colaiuta, dal bassista Arthur Barrow e dal chitarrista Warren Cucurullo e dove tutti i generi di musica rock (dal reggae alla disco passando per funk, pop, pure rock, rythm ‘n’blues ecc.) si accostano alla salsa Zappa.

In particolare, si fa beffe della Chiesa di Scientology che qui diventa “Chiesa di Appliantology” il cui fondatore si chiama L. Ron Hoover (e non L. Ron Hubbard). C’è anche la frase manifesto “Music is the Best”. Sarà uno dei suoi più grandi successi commerciali.

Dai primi anni ’80, Zappa ha esplorato i legami tra la musica che ha sempre suonato e la musica accademica, in particolare registrando due album con la London Symphony Orchestra. Il 9 gennaio 1984, Pierre Boulez e l’Ensemble intercontemporain eseguono tre brani di Zappa.

Dopo un’interruzione, Zappa ritorna e gran parte del suo lavoro successivo è influenzato dal suo uso del synclavier come strumento scenico o di composizione, nonché dalla sua padronanza delle tecniche di studio per produrre effetti sonori singolari. È l’inventore della xenocronia, una tecnica di studio utilizzata in molti album. Il suo lavoro diventa anche più esplicitamente politico: prende in giro i telepredicatori e l’American Republican Party.

Gli anni 90 e la morte di Frank Zappa

All’inizio degli anni ’90, Zappa dedicò quasi tutte le sue energie al lavoro orchestrale e al synclavier. Proprio nel 1990 compone la colonna sonora del documentario “Outrage At Waldez”, su richiesta del comandante Cousteau (che diventerà poi ambasciatore itinerante della nuovissima Repubblica Ceca).

Nell’aprile 1991, Zappa annunciò su una radio di Berkeley la sua candidatura alle elezioni presidenziali americane, come partito indipendente. Purtroppo, sua figlia maggiore Moon Unit rivela poco dopo che suo padre ha un cancro alla prostata, che impedirà a Zappa di svolgere qualsiasi possibile attività politica.

La  malattia gli causò la morte il 4 dicembre 1993, all’età di 52 anni. La sua ultima tournée accompagnata da una formazione rock avviene nel 1988, con un ensemble di 12 musicisti a cui chiede di conoscere più di 800 composizioni, la maggior parte delle quali tratte dal repertorio di Zappa, ma che si separa per disaccordo prima della fine del tour. Questo è tuttavia immortalato negli album The Best Band You Never Heard in Your Life (con canzoni con testi “politici” e cover principalmente di musica da film), Make a Jazz Noise Here (principalmente musica strumentale e sperimentale), Broadway the Hard Way (nuove canzoni), così come alcuni brani da You Can’t Do That on Stage Anymore, Vol. 6.

L’ultima produzione

You Can’t Do That on Stage Anymore (“non puoi più farlo sul palco”) è l’ultima grande produzione della sua vita. Un grande progetto che riesce a malapena a portare a termine. I volumi 5 e 6 vengono pubblicati nel 1992: ha raccolto su sei doppi CD (e quasi 20 ore di ascolto) tre decenni di spettacoli teatrali, mescolando (a volte nella stessa canzone) tutti i suoi diverse gruppi e tutte le epoche senza alcun ordine cronologico.

È un tuffo vertiginoso in quella che ha chiamato la continuità concettuale, la continuità concettuale che definisce la coerenza complessiva del suo lavoro. Molto presto, Frank Zappa si era impegnato a registrare tutti i suoi concerti. I nastri, che spesso servivano come base per i suoi album dal vivo o in studio, vennero conservati in un luogo mitico chiamato The Vault (The Vault) da cui la famiglia Zappa attingeva per pubblicare album regolarmente.

Qualche tempo prima della sua morte, Zappa si occupò ancora una volta della politica culturale ceca su richiesta di Václav Havel, presidente della Cecoslovacchia prima e della Repubblica Ceca poi; i due uomini si tenevano in grande considerazione.

Il lascito di Frank Zappa

La famiglia Zappa non si concluse con Frank. Anche i suoi due figli, Ahmet e Dweezil Zappa, sono musicisti; insieme hanno formato il gruppo Z. A maggio e giugno 2006, suo figlio Dweezil ha organizzato e diretto il tour Zappa Plays Zappa con brani esclusivamente composti da suo padre.

La musica di Zappa è molto eterogenea, spazia dal doo-wop alla musica contemporanea, a volte nella stessa canzone. Le influenze sono molteplici, e purtroppo a volte abbiamo ridotto Zappa alle sue influenze. Il punto è che se a volte sono riconoscibili, sono comunque fusi in un’arte unica e molto personale. Un fraseggio di Zappa è immediatamente riconoscibile.

Possiamo provare a distinguere gli stili in casa Zappa, per mostrare meglio come si intrecciano. Innanzitutto la musica classica, quella del Novecento principalmente. Zappa non amava la musica classica dei secoli precedenti, visto che i compositori erano solo schiavi al servizio dei mecenati. Amava Bach solo per il suono. Diceva di avere ha ricevuto il più grande shock musicale della sua vita nei suoi anni più giovani con Ionisation di Edgar Varèse e Le sacre du printemps di Igor Stravinsky, come vi abbiamo detto all’inizio.

Il più grande contributo della musica contemporanea all’opera di Zappa è a livello ritmico: l’uso di battute irregolari e poliritmi, cioè la sovrapposizione di diverse divisioni dello stesso tempo, o dello stesso gruppo di tempi.

Un musicista originale

Le tracce di Zappa non sono mai veramente finite. I concerti sono sempre l’occasione per nuovi arrangiamenti. Zappa non suona mai due volte la stessa canzone, infatti. Ad esempio, prendiamo “Black page”: su Zappa in New York troviamo una prima versione con assolo di batteria, aggiunte di percussioni, poi orchestra ridotta; nello stesso album troviamo la seconda versione, che ha un ritmo che potremmo definire disco-funk e arrangiamenti molto più roboanti; su Make a Jazz Noise Here, possiamo ascoltare la versione new age, molto lenta, guidata da languidi ottoni, e che finisce per riprendere a pieno ritmo.

Inoltre, Zappa aveva sviluppato un intero linguaggio dei segni che gli permetteva di indicare in ogni momento ogni cambiamento di interpretazione: quindi, un gesto specifico significava che era necessario suonare in stile reggae, o hard rock, ecc. Ad esempio, se girava un dito a destra e dietro la testa come se stesse giocherellando con un tappetino rasta, il gruppo dietro di lui stava suonando reggae; se faceva lo stesso con entrambe le mani, il gruppo suonava ska.

Se portava entrambe le mani all’inguine mimando un grosso paio di testicoli, i musicisti sapevano che dovevano suonare heavy metal. Zappa ha potuto quindi modificare la sua composizione nel momento stesso in cui il gruppo l’ha suonata sul palco.

Conclusione

Zappa è entrato nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1995, dove è stato presentato da Lou Reed. Nello stesso anno, l’unica statua conosciuta di Zappa fu installata nel centro di Vilnius, la capitale della Lituania. Konstantinas Bogdanas, il più famoso scultore lituano, precedentemente specializzato in ritratti di Lenin, immortalò Zappa.

Un busto di Zappa può essere visto anche a Bad Doberan, nel nord-est della Germania, dove ogni anno si svolgono gli Zappanales. Per andare a questo festival musicale cliccate qui: www.zappanale.de 

Un secondo busto più antico è visibile anche a Praga (Repubblica Ceca). Inoltre, un asteroide è stato chiamato in suo onore (3834) Zappafrank. Ultima ma non ultima la “Frank-Zappa-Strasse” è stata inaugurata il 28 luglio 2007 nella periferia dell’ex Berlino Est.

Le occasioni per incontrare Frank Zappa sono molteplici, una è l’omaggio che oggi gli rendiamo.

#zappanales

#zappasalsa

Please follow and like us:
Pin Share

Rispondi