Lou Reed, a walk on the wild side

Opere di Lou Reed (documentario Berlin, album Trasformer, Nico e i Velvet Underground, libro Il corvo) con stampa Zoa Studio
Opere di Lou Reed (documentario Berlin, album Trasformer, Nico e i Velvet Underground, libro Il corvo) con stampa Zoa Studio

Happy Birthday, Lou Reed!

Non è la prima volta che nominiamo il protagonista di oggi nei nostri articoli, tuttavia sembrava giusto dedicare all’artista americano un post personale ricco anche di curiosità, quindi eccoci in quello che sarebbe stato il giorno del suo compleanno.

L’infanzia di Lou Reed

Lewis Allan Reed nasce il 2 marzo 1942 a Beth El Hospital (in seguito Brookdale) a Brooklyn ed è cresciuto a Freeport, Long Island. Reed era figlio di Toby (nata Futterman) (1920– 2013) e Sidney Joseph Reed (1913–2005), contabile. La sua famiglia era ebrea; suo padre aveva cambiato il suo nome da Rabinowitz a Reed.  Reed disse che sebbene fosse ebreo, il suo vero dio era il rock ‘n’ roll.

Reed ha frequentato la Atkinson Elementary School di Freeport e la Freeport Junior High School. Sua sorella Merrill, nata Margaret Reed, disse che da adolescente soffriva di attacchi di panico, diventava socialmente imbarazzante e “possedeva un temperamento fragile” ma era fortemente concentrato sulle cose che gli piacevano, principalmente la musica. Dopo aver imparato a suonare la chitarra dalla radio, Reed sviluppa un interesse iniziale per il rock and roll, il rhythm and blues e durante il liceo suona in diverse band.

I tempi dell’università

Nonostante ciò che può essere descritta solo come una carriera da studente difficile, ad esempio essere cacciato dalla stazione radio studentesca o essere scoperto a spacciare droga, Lou Reed si laurea con lode nel giugno del 1964 con un master in inglese.

Mentre era matricola alla New York University, Lou Reed sperimenta intensi problemi psicologici, tra cui sbalzi d’umore e depressione. I genitori di Reed si preoccuparono che potesse uccidersi e lo sottoposero a terapia con elettroshock, un’esperienza che gli fece odiare il padre per il resto della sua vita.

Penso che questo gli abbia permesso di creare suo padre come una figura mostruosa nella sua immaginazione. Penso che non abbia mai perdonato suo padre per quello ”, afferma Anthony DeCurtis, editore amico di Reed e autore della sua biografia.

Sento che suo padre ha fatto il meglio che poteva: Lou si comportava sessualmente, e attraverso l’uso di droghe, in modi che sicuramente in quel momento erano considerati al di là del limite. Lou l’ha usato in modo creativo, indipendentemente dal fatto che suo padre fosse o meno così cattivo .

Secondo alcune indiscrezioni,  i genitori di Reed erano preoccupati per la bisessualità di Reed, ma sua sorella, Merrill Reed Weiner, smentì il fatto.

Il regista Todd Haynes userà questi ricordi per dare vita ad uno dei personaggi del film Velvet Goldmine del 1998: Curt Wild interpretato da Ewan McGregor. La pellicola é un tributo alla storia e ai protagonisti del Glam Rock di cui Lou Reed é appunto uno dei padri fondatori. Curt Wild in un flashback accompagnato dalla canzone T.V. Eye dei The Stooges ricorda di come sia stato sottoposto in giovane età, per volere dei genitori, a trattamenti di elettroshock  per “friggere la sua parte delicata” e di come “in realtà servì solo a farlo andare fuori di testa ogni volta che sentiva una chitarra elettrica”.

La nascita dei Velvet Underground

L’anno successivo alla laurea Lou Reed forma a New York il gruppo The Velvet Underground con il polistrumentista gallese John CaleSterling Morrison come secondo chitarrista e il batterista Maureen Tucker.

Il gruppo divenne presto parte della scena della Andy Warhol’s Factory, che ospitò un gran numero di artisti singolari e sperimentali del momento. La cantante e attrice tedesca Nico ha cantato nel gruppo per un breve periodo (www.zoastudio.com/2019/07/18/nico), ma la formazione originale ha iniziato a dividersi. Il gruppo, al suo meglio, realizzò solo quattro album originali: “The Velvet Underground & Nico” (1967), “White Light / White Heat” (1968), “The Velvet Underground” (1969) e “Loaded” (1970 ). Al giorno d’oggi sono considerati come pietre miliari nella storia del rock.

Gli anni 70

Nel 1970, Lou Reed inizia la sua carriera da solista. Il suo secondo album, “Transformer” (1972), è stato prodotto da David Bowie e Mick Ronson, ammiratori di lunga data dei Velvet. Quell’anno esce la sua prima – e ancora unica – canzone entrata nella top 20, “Walk on the Wild Side“. Durante gli anni ’70, ha realizzato un numero prolifico di album con “Berlin” (1973), “Rock ‘n’ Roll Animal” (1974) e “Street Hassle” (1978).

Da sottolineare che gli anni ’70 furono un periodo selvaggio per Reed: il suo consumo di droghe e alcol era intenso e frequentava bar malfamati intorno a New York. Per circa quattro anni, Reed è stato romanticamente coinvolto con una donna transgender di nome Rachel, che cita in “Coney Island Baby“. La relazione della coppia fu, a dir poco, tempestosa.

Essere coinvolti con una donna transgender molto apertamente negli anni ’70 è stato del tutto audace“, afferma il già nominato De Curtis. “Allo stesso tempo, a detta di tutti, Rachel ha avuto una sua vita segreta come truffatrice transgender, ed è stato così che Lou l’ha incontrata in un bar dopo la mezzanotte. Non credo abbia mai rinunciato a quella vita“.

Gli anni ’80 e ’90

Inoltre, alla fine degli anni ’80, Reed e il suo ex compagno di band dei Velvet Underground John Cale collaborano per quello che sarebbe diventato Songs for Drella, un album tributo all’ex patrono dei Velvet, Andy Warhol. Era un preludio alla selezione musicale di Reed, Cale, Sterling Morrison e Mo Tucker riuniti nel 1993 per un tour europeo. Ma l’attrito tra Reed e Cale è riemerso quando il primo ha insistito per produrre un album registrato durante un potenziale set di “MTV Unplugged”. I piani per l'”Unplugged” e un tour negli Stati Uniti presto fallirono.

E così si sciolsero anche i Velvet Underground.

Un rapporto romantico con la performer e musicista americana Laurie Anderson ringiovanisce nuovamente Lou Reed a metà degli anni ’90, dando vita al giocoso Set the Twilight Reeling (1997) e al più battuto Ecstasy (2000).

Gli anni 2000

Nel 2000–01 Reed collabora con il regista Robert Wilson per portare in scena POEtry, basato sul lavoro di Edgar Allan Poe (www.zoastudio.com/2020/01/18/edgar-allan-poe). Le canzoni dello spettacolo sono state arrangiate, con interludi parlati, sull’opera The Raven (2003) – un esperimento ambizioso. Segue Animal Serenade (2004), un’eccellente registrazione dal vivo che ha fatto eco al punto di riferimento rappresentato da Animal del 1974.

Nel 2006 Reed celebra nuovamente la città di New York in un libro, Lou Reed’s New York, che raccoglie le sue fotografie.

Ha collaborato inoltre con icone heavy metal quali i Metallica nell’album a due dischi Lulu (2011). L’album, ispirato alle commedie del drammaturgo tedesco Frank Wedekind, è stato deriso dalla critica, ma ha dimostrato che le tendenze sperimentali di Reed sono rimaste audaci come sempre.

Gli ultimi anni di Lou Reed

La morte

Reed soffriva di epatite e diabete da diversi anni. Nonostante il trattamento con interferone, l’artista sviluppa un cancro al fegato.  Nel maggio 2013, subisce un trapianto di fegato presso la Cleveland Clinic. Successivamente, sul suo sito web, scrive di sentirsi “più grande e più forte” che mai.

Ma il 27 ottobre 2013, muore di malattia al fegato  nella sua casa di East Hampton, New York, all’età di 71 anni. Fu cremato e le ceneri furono date alla sua famiglia.

La vedova Laurie Anderson disse che i suoi ultimi giorni erano pacifici e lo descrisse come un “principe e un combattente”. Anche David Byrne, Patti Smith, David Bowie, Morrissey, Iggy Pop, Courtney Love, Lenny Kravitz e molti altri hanno reso omaggio a Reed nei giorni seguenti.  Gli ex membri dei Velvet Underground Moe Tucker  e John Cale hanno rilasciato dichiarazioni sulla morte di Reed. Anche altri personaggi degni di nota hanno reso omaggio al cantante americano, come il cardinale Gianfranco Ravasi.

Il 27 ottobre 2013, giorno della morte di Reed, i Pearl Jam gli hanno dedicato la loro canzone “Man of the Hour” durante il loro spettacolo a Baltimora e poi hanno suonato “I’m Waiting for the Man”. Sempre quel giorno, i Killers dedicano la loro interpretazione di “Pale Blue Eyes” a Reed al festival Life Is Beautiful di Las Vegas, mentre gli Arctic Monkeys eseguono “Walk on the Wild Side” a Liverpool.

Il 14 novembre 2013, un memoriale pubblico di tre ore si tiene vicino alla Paul Milstein Pool and Terrace del Lincoln Center. Presentata come “New York: Lou Reed al Lincoln Center”, la cerimonia ha visto le registrazioni preferite di Reed selezionate da familiari e amici.

Il lascito di Lou Reed

Reed entra a far parte della Rock and Roll Hall of Fame come membro dei Velvet Underground nel 1996 e come solista nel 2015.

Il 18 maggio 2019 alcune sequenze del documentario sui Velvet Underground di Todd Haynes, regista che già rese omaggio a Reed con il film tributo al glam rock Velvet Goldmine, vengono mostrate al festival internazionale del Cinema di Cannes. Come riporta il sito www.loureed.it/2019/news/velvet-underground-documentario il film conterrà interviste a John Cale e Maureen Tucker, gli unici due membri superstiti dei Velvet Underground, e altri importanti artisti dell’epoca. 

Reed è stato forse uno dei musicisti più influenti del secolo scorso. Spesso citato da molti come fonte di ispirazione, a lui si deve un approccio intransigente non solo all’arte, ma al mondo che lo circondava.

Dagli Arctic Monkeys agli U2, da David Bowie ai  Sex Pistols a Morrissey, l’influenza di Reed è infinita nella sua portata. Bono ha dichiarato a riguardo: “Lou Reed sta a New York come Mark Twain a Dublino“.

I lasciti “curiosi”

Nel 2002 , Maik Meyer all’Osservatorio di Palomar scopre l’asteroide 270553 Loureed, che nomina così in onore del cantante.  Il Minor Planet Center pubblica la citazione ufficiale di denominazione solo 13 anni dopo, il 2 giugno 2015 (M.P.C. 94391).

I ragni con corpi pelosi sono noti come “ragni di velluto”. Uno che è stato recentemente scoperto in Spagna si chiama Loureedia, perché ha un corpo di velluto e vive sottoterra.

Loureedia il ragno che prende il nome da Lou Reed
Loureedia il ragno che prende il nome da Lou Reed

Ma chi era il vero Lou Reed?

Il racconto dei cari

La sua vecchia amica Patti Smith, sul New Yorker, lo definì “il poeta newyorkese della nostra generazione, che sosteneva i suoi disadattati così come Whitman aveva difeso gli operai e Lorca i perseguitati” (www.loureed.it/2013/news/il-ricordo-di-patti-smith) .

Laurie Anderson,  moglie di Lou Reed dal 2008, lo ha descritto  in The East Hampton Star come “felice e abbagliato dalla bellezza, dal potere e dalla morbidezza della natura“.

Lou era un principe e un combattente“, ha scritto. Su quest’ultimo punto, almeno, la sig.ra Anderson potrebbe sovrapporsi a Howard Sounes, l’autore della controversa biografia di Lou Reed, “Note da Velvet Underground: La vita di Lou Reed”, che dipinge un ritratto tutt’altro che lusinghiero di Reed. Che viene definito come un “mostro” di uomo, che ha usato insulti razziali, ha abusato di donne e combattuto con altri artisti.

Il “botta e risposta”

“Lou era costantemente in guerra con le persone – con la famiglia, gli amici, gli amanti, i membri della band, i manager e le case discografiche“, ha dichiarato Sounes in un’intervista. “Era un uomo sospettoso, irascibile, amaro e arrabbiato. Era il segreto meglio custodito nel mondo dello spettacolo“, ha aggiunto.

La sua moglie e manager di lunga data, Sylvia Reed (ora Ramos), ha rotto quello che ha detto essere un silenzio mediatico di moltissimi anni per contestare il ritratto di Mr. Sounes. “Non è una persona che riconosco“, ha detto la signora Ramos del Lou Reed ritratto nel libro. “Molti dannati aneddoti, ha aggiunto, sembrano provenire da persone che Reed conosceva negli anni ’70, alimentati dalla droga, che so per certo non in grado di ricordare qualsiasi cosa avessero fatto in un dato periodo di sei mesi , molto meno tutti questi anni dopo”.

Ai lettori l’ardua sentenza di decidere se il musicista fosse semplicemente un rock and roller che “passeggiava sul lato selvaggio” o se la persona disturbata raccontata da Sounes. Di certo é un artista che ha lasciato una traccia indelebile nella storia del Rock!

#loulou

#americanpoet

 

Rispondi