Purple Rain Revolution

Purple Rain - Prince
Ritratto a matita di Prince (ZOA-STUDIO)

Il singolo Purple Rain esce il 26 settembre 1984, a seguito dell’omonimo album, e a seguito dell’omonimo film che vede come interprete Prince e la sua musica!

Il film uscito nell’estate del 1984 insieme all’album ha incassato oltre $ 68 milioni al botteghino negli Stati Uniti. E oltre $ 80 milioni in tutto il mondo, facendo così un grande profitto con il suo budget di “appena” $ 7,2 milioni. Il film ha fatto vincere un Grammy e addirittura un Oscar a Prince come miglior colonna sonora originale.

Purple Rain il film vede Prince nel ruolo di The Kid, un musicista che si esibisce nei locali di Minneapolis, tanto alienato, quanto dotato di talento. The Kid lotta contro la vita tumultuosa di tutti i giorni e la rabbia repressa, trovando rifugio nella sua musica e nell’amore per la sensuale Apollonia Kotero, la musa di Prince di quel periodo.

Lo stile di Prince

Nel film Prince sfoggia i suoi inimitabili outfit, gira con una motocicletta Hondamatic Honda CM400A customizzata in stile “Prince” ed introduce la sua chitarra signature “The Cloud” fatta apposta per il film dal liutaio Dave Rusan che aveva sede a Minneapolis e che ora si trova esposta al National Museum of American History in Washington D.

Le chitarre di Prince

Le richieste di Prince per la chitarra furono essenziali: “His main requirements were just that the guitar should be in that shape [of the bass], and it had to be white, and it had to have gold hardware. I think he specified he wanted EMG pickups, but compared to all the conversations you would have with somebody about a custom guitar, there wasn’t anything else he wanted to talk about” (TRAD: “I suoi requisiti principali erano solo che la chitarra dovesse avere quella forma [del basso], e doveva essere bianca, e doveva avere hardware dorato. Penso che abbia specificato che voleva pickup EMG, ma rispetto a tutte le conversazioni che avresti avuto con qualcuno su una chitarra personalizzata, non c’era nient’altro di cui volesse parlare”).

prince_the_cloud_guitar
Prince con la sua chitarra The Cloud in Purple Rain.

Prince nel corso degli anni ci ha affascinato con le sue chitarre scenografiche come la Model C e l’iconica Love Symbol attualmente in mostra a New York al MET (www.metmuseum.org/exhibitions/listings/2019/play-it-loud) durante la rassegna “Play it loud!” che sto pregando perchè venga esportata se non in Italia, almeno in Europa!

Origine di Purple Rain

La canzone “Purple Rain” è stata originariamente scritta come una canzone country e intendeva essere una collaborazione con Stevie Nicks. Nicks ha detto: “L’ho ascoltato e mi sono spaventata. L’ho richiamato e gli ho detto: ‘Non posso farlo. Vorrei poterlo fare. È troppo per me.”  La versione strumentale di 10 minuti che aveva ricevuto l’aveva sopraffatta. La band di quel tempo di Prince si chiamava The Revolution, che associata a Prince produceva una sorta di sinestesia che solo i Sex Pistols con God Save the Queen hanno raggiunto: perchè Principe e Rivoluzione sono concetti che Lady Oscar ci ha insegnato stare su due fronti contrapposti ^.^ Durante una prova, Prince ha quindi chiesto alla sua band di supporto di provare la canzone: “Voglio provare qualcosa prima di tornare a casa. È dolce.” Secondo la tastierista Lisa Coleman, Prince ha poi cambiato la canzone dopo che Wendy Melvoin ha iniziato a suonare accordi di chitarra per accompagnare la canzone: “Era entusiasta di sentirla doppiamente. L’ha presa da quel sentimento country. Poi abbiamo iniziato a suonarla un po ‘più forte e prendendola più sul serio. L’abbiamo suonata per sei ore di fila e alla fine di quel giorno l’ abbiamo per lo più scritta e organizzata”.

Prince ha spiegato il significato di “Pioggia viola” come segue: “When there’s blood in the sky – red and blue = purple… purple rain pertains to the end of the world and being with the one you love and letting your faith/god guide you through the purple rain.” (“Quando c’è sangue nel cielo – rosso e blu = viola … la pioggia viola riguarda la fine del mondo e stare con la persona che ami e lasciare che la tua fede / dio ti guidi attraverso la pioggia viola”). La traccia del titolo del precedente album di Prince, 1999, includeva riferimenti simili a una fine condannata sotto un cielo viola (” … avrebbe potuto giurare che era il Giorno del Giudizio, il cielo era tutto viola ). (“…could have sworn it was Judgment Day, the sky was all purple…”)

Prince era molto emozionato“, il batterista dei Revolution Bobby Z ricorda la notte in cui presentarono Purple Rain al mondo. “Stava dicendo:” Stiamo andando a fare la storia. “Questo è quello che ci stava spingendo a fare.

Il debutto di Purple Rain

Il 3 agosto 1983, Prince and the Revolution interruppero le riprese di Purple Rain e la registrazione del suo album di colonne sonore per suonare un concerto benefico di 45 minuti per il loro coreografo, Loyce Holton. Una unità di registrazione mobile registrò il concerto e quindi la versione live di Purple Rain che sentiamo nel film. Il concerto si concluse proprio con quella canzone, allora inedita: una ballata a combustione lenta di 10 minuti che ha iniziato con la chitarra acustica ed è scoppiata in una frenesia elettrica.

Bobby Z, il batterista, riflette: “You’ve got pleading in the vocals. You’ve got agility and spins and pirouettes in the guitar solo. And then the strings pull your heartstrings. Purple Rain is like a Stairway To Heaven. It’s non-religious, but people feel reverent about it. Even if you walk in on a casino and some crappy band are playing it, it still has something different.” (“Hai supplica nei vocalizzi. Hai agilità, giri e piroette nell’assolo di chitarra. E poi le corde tirano le corde del tuo cuore. Purple Rain è come Stairway to Heaven. Non è religiosa, ma le persone si sentono riverenti al riguardo. Anche se entri in un casinò e qualche band schifosa ci suona, ha ancora qualcosa di diverso. “)

Con un minimo di sovraincisioni, la performance ha chiuso l’album e il film che ha portato Prince sull’Olimpo del pop anni ’80. Purple Rain ha anche completato la missione del musicista di rivendicare il rock per musicisti neri e di fonderlo con qualsiasi altra cosa gli venisse voglia.

Prince - Purple Rain
Ritratto a matita di Prince di ZOA-STUDIO e dvd del film Purple Rain.

Uno dei grandi successi che abbiamo riscontrato non è stato quello di essere solo una band R&B nera“, ritiene la tastierista dei Revolution Lisa Coleman. “Abbiamo lottato per un paio d’anni, cercando di scrivere una canzone per una stazione di musica nera e una per una stazione rock. Ma Purple Rain la canzone è stata riprodotta su ogni tipo di stazione radio, dal country all’Americana alla ballata rock. Ed è così perfetto che provenga da Prince, che nessuno sapeva cosa pensare. Sei serio? Chi è questo ragazzo?”

La domanda è andata al cuore di Prince, ritiene Coleman: “Non ha mai voluto perdere il suo pubblico nero, che era davvero importante per la sua identità. Perché anche all’interno della comunità nera, c’era tensione su quanto fosse leggera la sua pelle, indipendentemente dal fatto che fosse o non fosse gay. Possiamo davvero chiamarlo uno di noi? Quella mentalità era importante per lui, ma stava anche cercando di crescere oltre. Penso che sia stata una lotta per lui, per tutta la sua vita. “

Essendo stato ridotto in lacrime dai fan bigotti degli Stones quando li sostenne in abiti androgini nel 1981, la copertina dell’album Purple Rain lo vide a cavalcioni di una moto con un pettinatura pompadour stile Little Richard, mentre nel disco era un virtuoso simile a Jimi Hendrix, in sfida ribelle alla musica che aveva seppellito le sue radici nere.

Il tour di Purple Rain prosciugherà poi le finanze di Prince, ma uno strano progetto lo salverà dalla bancarotta: Batman di Tim Burton , di cui firmerà la colonna sonora. Ma questa è un’altra storia fatta di azzardo, sperimentazione e creatività alla quale dedicheremo lo spazio che si merita!

#therevolutionofprince

#purplekid

Rispondi