Shine on you crazy Syd

Illustrazione Zoa Studio
Illustrazione Zoa Studio – Ritratto di Syd Barrett

Oggi, 7 luglio, si ricorda la scomparsa del genio senza il quale il mondo non avrebbe i Pink Floyd (per chi li ama non si perda il nostro articolo Pink Floyd The Wall – the movie ): stiamo parlando di Syd Barrett.

Nel 2006 l’artista e compositore inglese si spense, nella sua casa del Cambridgeshire, all’età di 60 anni. Prendendo in esame la vita condotta dal Crazy Diamond ci si sarebbe immaginati un ingresso nel “Club dei 27”, come Janis Joplin, Brian Jones, Kurt Cobain e tutti quelli morti in giovane età in circostanze traumatiche. Per Syd non fu così, ma come andarono le cose lascia comunque l’amaro in bocca.

Roger Keith Barrett

Roger Keith Barrett nasce il 6 gennaio 1946 a Cambridge. Quarto di cinque figli, è attivamente incoraggiato nella sua musica e arte dai suoi genitori – all’età di sette anni vince una gara piano in duetto con la sorella – e riceve anche un discreto successo in concorsi di poesia durante le superiori.

Tra i 10 e i 16 anni, Roger frequenta la Cambridgeshire High School, alias “The County”. La scuola aveva il suo gruppo scout, che Roger aveva seguito con grande interesse. Era un imitatore naturale e divertiva i suoi amici facendo il verso a personaggi famosi tra cui l’attore comico Sid James. Il collega scout Brian Boydell ricorda che questo personaggio diede a Roger il soprannome di “Sid”, all’età di dodici anni. Circa 3-4 anni dopo l’ortografia cambiò, dopo che Sid vide il bassista dei Riverside Seven, una band jazz tradizionale, di nome Sid Barrett. Roger decise di mettere la “y” nel suo soprannome per evitare confusione con il bassista. Da allora Sid diventa Syd – fino agli anni ’70, quando torna al suo Roger originale. “Syd non vive più qui” rispondeva alla porta alla visita di estranei.

The Pink Floyd

Barrett conosceva Roger Waters dai tempi della scuola a Cambridge e riprese i rapporti con lui quando si trasferì  a Londra. Waters aveva formato una band con Richard Wright e Nick Mason – prima chiamata The Sigma 6, e più tardi The Tea Set – e quando uno dei membri se ne andò, Barrett si unì. Quando i Tea Set scoprono che il loro nome è già stato usato da un altro gruppo, Barrett propone “The Pink Floyd Sound“, unione dei nomi di due bluesman: Pink Anderson e Floyd “Dipper boy” Council, letti tra i crediti di un album di Piedmont blues.  La parola “Sound” viene presto rimossa, mentre l’articolo “The” resistette fino al 1970 e viene usato per identificare i lavori dell’era Barrett.

Verso la fine del 1965 la band si recò in studio per la prima volta, registrando cover dei Beatles insieme a tre delle canzoni di Barrett: “Double O Bo”, “Butterfly” e “Lucy Leave”. Leggenda narra che, in quell’occasione, Barrett si fece il suo primo trip di acido.

 La chitarra di Syd Barrett

La famosa chitarra specchiata di Syd Barrett è il risultato di questo periodo. Eseguita attraverso una modifica alla sua Fender Esquire bianca con vinile adesivo per darle un nuovo corpo color argento, con l’aggiunta 15 dischi riflettenti su di esso. La chitarra mirror disc è stata raccontata da Julian Palacios nel suo libro Dark Globe: “Disegnando cerchi di infinito… Syd ha portato per la prima volta la sua Esquire… una rivelazione psichedelica già pronta. Mentre lo spettacolo di luci colpiva i dischi e faceva brillare di luce il pubblico, Syd usava la chitarra come oggetto visivo per “far piovere argento sulle persone” come uno scettro magico…”

Syd Barrett Mirrored Esquire
Syd Barrett Mirrored Esquire

Nel 1966, i Pink Floyd trovarono un manager e passarono ad essere una band a tempo pieno. Nel 1967 registrarono e pubblicarono il loro album di debutto, The Piper at the Gates of Dawn. Tuttavia, verso la metà di quell’anno, il comportamento di Barrett divenne più insolito e molti lo attribuirono ad un crollo psicotico indotto dall’LSD. In un concerto scordò pian piano la chitarra sul palco; in altri, strimpellava un accordo per l’intero spettacolo o non suonava affatto. Nelle apparizioni televisive, dava risposte di una sola parola alle domande degli intervistatori o semplicemente, guardandoli in modo assente, faceva scena muta.

Stati mentali

Syd iniziò a sviluppare una personalità più turbata, come se avesse attraversato un limite immaginario di qualche tipo. Due singoli da lui proposti furono registrati ma archiviati, a causa della loro natura oscura e del loro potenziale non commerciale: “Scream Thy Last Scream” e “Vegetable Man”.

Roger Waters ricorda: “In realtà è successo molto velocemente con Syd, devo dire, proprio nel periodo di” See Emily Play “. Sai, è diventato molto strano molto rapidamente. Dovevamo scrivere lettere di scuse e un numero di spettacoli importanti furono cancellati” Ad ogni modo e nonostante tutto, Piper alle Gates of Dawn, per lo più composto da Syd, viene considerato uno dei più grandi album psichedelici britannici.

Durante il loro tour del 1967 con Jimi Hendrix, la band dovette portare un chitarrista sostitutivo quando Barrett non si presentò o non poté esibirsi, e alla fine dell’anno assunsero David Gilmour come secondo chitarrista a coprire Barrett. Il 6 aprile 1968, i Pink Floyd annunciarono che Barrett non era più un membro della band.

La carriera da solista di Syd Barrett

Dopo la separazione della band, l’agenzia Blackhill Enterprises decise di rimanere con Syd come artista solista. La nuova etichetta Harvest di EMI si impegnò nel progetto di Barrett e nel corso di un anno Syd registrò The Madcap Laughs. L’album non sarebbe uscito fino al gennaio 1970, ma fu ben accolto e venduto per gli standard dell’epoca, quindi la EMI decise di registrare immediatamente un seguito. Le sessioni per l’album Barrett iniziarono il 26 febbraio 1970, con David Gilmour come produttore e al basso, Richard Wright alle tastiere e Jerry Shirley alla batteria di Humble Pie. Seguirono sessioni ad aprile e luglio e l’album fu pubblicato nel novembre 1970, l’ultimo album ufficiale di Syd Barrett.

Syd Barrett
Album di Syd Barrett e disegno a matita

Syd intraprese pochissima attività musicale tra il 1968 e il 1972 fuori dallo studio. Alla fine di gennaio del 1972, Syd formò una band di breve durata chiamata Stars. Il collasso della band coincise nel tempo con l’ascesa dell’album dei Pink Floyd The Dark side of the Moon, che ottenne enormi apprezzamenti dalla stampa. Una suite di canzoni, concettualizzata dalle esperienze acquisite durante il tempo con Syd, e che termina davvero con un’eclissi.

Syd ebbe un’ultima e nota riunione con i membri dei Pink Floyd il 5 giugno 1975. Fu durante le sessioni di registrazione di Wish You Were Here, quando si presentò ad Abbey Road senza preavviso e in uno strano caso di “precisione casuale” mentre la band stava lavorando a Shine On You Crazy Diamond, la loro canzone tributo a lui.

https://www.youtube.com/watch?v=zgO2wuNPSMo

Il ritorno a Cambridge

Nel 1978, Barrett si trasferì con sua madre a Cambridge, e tornò a dipingere. Si dedicò anche al giardinaggio. Rimase fuori dalle luci della ribalta, irritandosi quando i paparazzi scattavano sue foto, e interagì soprattutto con sua sorella, Rosemary. Sebbene ricoverato in ospedale per un breve periodo, non gli fu mai ufficialmente diagnosticata una malattia mentale o curato per essa.

Roger “Syd” Barrett morì di cancro al pancreas il 7 luglio 2006 all’Ospedale Addenbrooke di Cambridge, ma la sua eredità sopravvive nel riconoscimento della sua crescente influenza su decine di musicisti. Un concerto tributo fu tenuto al Barbican Theatre di Londra nel 2007, a cura di Nick Laird-Clowes e Joe Boyd. David Gilmour, Richard Wright e Nick Mason suonarono Arnold Layne. Altri musicisti che resero omaggio sono Roger Waters, Damon Albarn, Kevin Ayers, Capitan Sensible, Mike Heron, Robyn Hitchcock, Chrissie Hynde, John Paul Jones, Kate McGarrigle e Martha Wainwright.

Omaggi a Syd Barrett

Nel 2010, la EMI Records rilascia An Introduction To Syd Barrett, una nuova collezione che riunisce per la prima volta tracce dei Pink Floyd di Syd e i lavori solisti, inclusi alcuni remix nuovissimi. David Gilmour è produttore esecutivo dell’album, supervisionando remix e miglioramenti di cinque brani.

Nel marzo 2011 esce un nuovo libro intitolato Barrett, The Definitive Visual Companion, pubblicato da Essential Works ( barrettbook.com/the-editions ), uno studio completo di Syd l’artista. Contenente la più grande collezione di immagini relative a Syd Barrett mai assemblate, il libro include centinaia di fotografie inedite e rare di Syd e dei Pink Floyd, alcune delle lettere d’amore personali e tutte le rimanenti opere d’arte originali del compositore britannico.

Non è facile descrivere in una manciata di righe la complessità della vita e della visione artistica di Syd Barrett, ma una cosa si può dire, che la sua eredità continua a vivere. Sempre più persone stanno scoprendo la musica e l’arte di Syd Barrett, che affascina e abbaglia come i dischi argento della sua chitarra.

#shineonyoucrazydiamond

#barrettlegacy

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi